II° Lotto - Nuovo scalo ferroviario e suo collegamento alla Piattaforma Logistica ed al I e IV

L'intervento si sviluppa planimetricamente a Nord della fascia compresa tra il I ed il IV Sporgente del Porto di Taranto (Fig. 5 – Cerchio rosso sulla destra). L'impianto esplica la funzione di presa e consegna e arrivi e partenze per la Piattaforma Logistica di nuova realizzazione, prevista in gestione da parte della società di progetto Taranto Logistica S.p.A.. Successivamente il nuovo fascio potrà essere collegato ai futuri I e IV Sporgente. Il nuovo impianto, gestito da RFI, si sviluppa quasi interamente sul sedime dell'impianto preesistente in corrispondenza del fascio S. Nicola della stazione di Taranto.
Il nuovo scalo prevede un fascio di presa/consegna ed arrivi/partenze, costituito da 2 binari di modulo 750 m, centralizzati ed elettrificati, gestiti dall'ACEI di Taranto che sarà opportunamente modificato. Inoltre è previsto un terzo binario per il giro locomotore ed un'asta di manovra di lunghezza maggiore di 750 m.
Il fascio sarà collegato alla linea Bari – Taranto attraverso una connessione 60km/h e con una indipendenza. Le caratteristiche del fascio consentiranno di effettuare degli itinerari di arrivo/partenza a 60km/h.
Poiché tutte le manovre della stazione di Taranto si effettueranno sul fascio, è possibile procedere ad una semplificazione di tutti i binari merci attualmente esistenti in stazione.

Risultati attesi

Migliorare l'efficienza delle infrastrutture portuali

 

icona spese icona procedure icona cronoprogramma

Timeline - Potenziamento collegamenti ferroviari del porto di Taranto - I° LOTTO

  • Sottoscrizione protocollo di intesa

    Sottoscrizione del protocollo di intesa tra il Ministero delle Infrastrutture, la Regione Puglia, l'Autorità portuale di Taranto ed RFI, per attivare e sviluppare le iniziative volte alla realizzazione dell'intervento di attrezzaggio infrastrutturale ferroviario nonché del collegamento del bacino logistico "Porto di Taranto" con la rete ferroviaria nazionale.
    Il soggetto attuatore dell'intervento è la RFI, che ha l'onere di progettare l'intervento.