I° Lotto - Potenziamento stazione di Cagioni e collegamento al V Sporgente

L'intervento consiste nel potenziamento dell'attrezzaggio infrastrutturale ferroviario e si sviluppa in area retroportuale, sulla rete ferroviaria, in corrispondenza del cosiddetto Molo Polisettoriale.
Il Progetto prevede modifiche all'attuale impianto della Stazione con creazione dei binari del nuovo fascio (centralizzato, elettrificato e con modulo 750 m) con funzioni di arrivi/partenze e presa/consegna per il collegamento con il Molo Polisettoriale e la predisposizione del collegamento al V Sporgente (che sarà completato dopo il 2025).
Il nuovo impianto si sviluppa quasi interamente sul sedime del fascio preesistente. Al termine dei lavori tutto l'impianto rientrerà nell'asset di RFI.
Il nuovo scalo si sviluppa per un primo tratto di circa 850 m parallelamente all'impianto di Cagioni con sede a tre binari posti ad interasse di 4.60 m. In tale tratto si sovrappone praticamente alla sede dell'attuale impianto merci raccordato e in gestione all'impresa TCT. Segue una curva con raggio di 240 m che conduce alla radice posta prima dello scalo esistente sul Molo Polisettoriale.
L'impianto sarà circondato da recinzioni con ingressi dedicati per la manutenzione ed eventualmente per i mezzi di soccorso.
Le principali opere civili consistono nella demolizione delle attuali recinzioni e nella realizzazione di nuove che, in alcune limitate zone, potranno fungere anche da opera di sostegno.
Il nuovo fascio di binari accorpa le funzioni di presa/consegna ed arrivi/partenza ed è costituito da 3 binari elettrificati e centralizzati con modulo pari a 750 m (IV binario), a 734 m (V binario), a 727m (VI binario). La gestione di detto fascio merci consentirà una maggiore flessibilità nell'utilizzo dell'impianto; potranno infatti essere garantiti arrivi e partenze da ciascuno dei tre binari del fascio.
Inoltre tutte le manovre necessarie per comporre e scomporre i treni sul fascio e per i movimenti da e per il Molo Polisettoriale potranno essere effettuate in presenza di esercizio sui primi tre binari di circolazione.

Risultati attesi

Migliorare l'efficienza delle infrastrutture portuali

 

icona spese icona procedure icona cronoprogramma

Timeline - Potenziamento collegamenti ferroviari del porto di Taranto - I° LOTTO

  • Sottoscrizione protocollo di intesa

    Sottoscrizione del protocollo di intesa tra il Ministero delle Infrastrutture, la Regione Puglia, l'Autorità portuale di Taranto ed RFI, per attivare e sviluppare le iniziative volte alla realizzazione dell'intervento di attrezzaggio infrastrutturale ferroviario nonché del collegamento del bacino logistico "Porto di Taranto" con la rete ferroviaria nazionale.
    Il soggetto attuatore dell'intervento è la RFI, che ha l'onere di progettare l'intervento.